contenuti e copywriting
Leave a comment

Le persone online non leggono

scrivere per il web
Se ti piace, condividi!

Almeno una volta l’avrai sentita, o magari anche pronunciata “Le persone online non leggono”. Ma quanto c’è di vero in questa frase e cosa comporta per chi scrive per il web su blog, siti e social? Per scoprirlo hai solo un modo, smentire subito quest’affermazione e… leggere l’articolo 😉

Come si legge online?

Leggere un testo online non è come leggere lo stesso identico testo sulla carta stampata. Gli schermi di computer, telefoni e tablet, per quanto sempre più ergonomici, rendono la lettura più faticosa. La grande quantità di contenuti e informazioni che ogni giorno troviamo su social, siti e blog ci hanno abituati a una lettura più veloce e in qualche modo più superficiale.
Pensa alla tua esperienza diretta: come leggi online? Nello stesso modo in cui leggi la pagina di un libro? Come stai leggendo questo post? Probabilmente dai una prima occhiata veloce, scansioni la pagina, ti soffermi su titoli, grassetti e immagini.
Insomma è vero, online leggiamo meno o non leggiamo proprio e guardiamo solo immagini e video? Direi di no e, fra l’altro, se mi hai letta fino a qui stai confermando la mia idea! Di certo, però, leggiamo in modo diverso e dobbiamo tenerne conto quando creiamo un contenuto.

Come scrivere per il web?

Voglio darti ora alcuni punti da tenere a mente quando crei un testo per il web. Non prenderli come regole rigide, ma come indicazioni da applicare secondo il caso e il contesto e che possono anche avere eccezioni.

  • Cura la formattazione del testo: nel caso di blog e sito web suddividilo in paragrafi, usa titoli, sottotitoli e grassetti. Anche nei social, se hai testi lunghi, dividili in blocchi e, volendo, usa le emoticon (senza esagerare!) per spezzare e dare movimento.
  • Usa gli elenchi puntati o numerati quando hai tanti elementi
  • Prediligi i periodi corti con poche subordinate
  • Fai attenzione a refusi ed errori (se vuoi in questo articolo trovi alcuni strumenti che ti possono aiutare nella rilettura)

Semplificare non è banalizzare

Un’altra buona regola da tenere a mente quando si scrive sul web è la semplicità. Testi chiari e periodi lineari. Detta così suona molto facile no? In realtà togliere il superfluo per lasciare solo l’essenziale è un’operazione tutt’altro che scontata e che non ha nulla a che vedere con la banalizzazione di un argomento. Significa andare al nocciolo della questione, accompagnare il tuo lettore lì dove vuoi che arrivi.
Per farlo, oltre alle regole qui sopra, il mio consiglio è di partire da una buona progettazione di quello che vuoi dire: la scaletta sarà un valido alleato in questo senso!

Pensa ai tuoi lettori e trova la tua voce

Gli ultimi due consigli che ti voglio dare sono in realtà i primi punti da cui partire. Pensa a quale personalità vuoi far emergere con i tuoi testi e chiediti chi sono i tuoi lettori.
Individua il tuo tono di voce e lo stile con cui comunicherai e pensa al pubblico che ti segue su blog, sito e social: cosa leggono di solito, a quale linguaggio sono abituati? Questa informazione sarà fondamentale per capire, oltre agli argomenti da trattare, il modo in cui scriverli.
Ritornando quindi alla domanda iniziale: se i contenuti sono di valore, ben strutturati, e creati pensando ai bisogni e agli interessi del pubblico, anche sul web le persone leggono!

P.s. Se vuoi un aiuto per individuare il tuo pubblico, conoscere le tue buyer personas e capire come trovare gli interessi dei tuoi lettori scarica la mia guida gratuita “Conosci il tuo pubblico”.


Se ti piace, condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *